Riscaldamento delle case: ecco il responsabile trascurato  dell’inquinamento delle nostre città. L’innovazione tutta italiana si chiama K18,  la pompa di calo

Riconosciuta dalla Commissione Europea come una delle tecnologie per il riscaldamento più promettenti, la pompa di calore ad assorbimento K18 usa l’aria, energia rinnovabile sempre disponibile. Funziona semplicemente a gas e contribuisce in modo significativo all’uso razionale dell’energia nel settore residenziale esistente, riducendo drasticamente l’inquinamento e i consumi energetici delle famiglie italiane rispetto alle ancora diffuse e obsolete caldaie a gasolio nelle nostre città. In occasione di Mostraconvegno Expocomfort (15-18 marzo 2016) Robur invita la stampa a scoprire una storia tutta italiana di eccellenza tecnologica.

Milano, 15 marzo 2016 - K18 E’ LA SOLUZIONE DECISIVA ALL’EMERGENZA SMOG E POLVERI SOTTILI ORMAI QUOTIDIANA. L’emergenza smog e polveri sottili è ormai quotidiana. Il colpevole subdolo e spesso trascurato è il riscaldamento delle abitazioni, uno dei settori più energivori e inquinanti del nostro Paese. A fronte di questo problema, non è necessario adottare misure di austerità e involutive -come mettere a piedi intere città o ridurre il comfort indoor degli ambienti- perchè oggi è possibile investire in K18, una tecnologia taglia-emissioni interamente made-in-Italy dalla ricerca al mercato, in grado di migliorare efficacemente la qualità dell’aria che respiriamo. Perché K18 è una pompa di calore super efficiente che, per riscaldare casa, usa al meglio l’aria, energia rinnovabile sempre disponibile. Funziona semplicemente a gas naturale, ma è molto di più. Ed è al vertice della classificazione energetica: A++.
Spiega Guerra, presidente di Robur: “Basti pensare che lo stesso JRC (Joint Research Centre - Direzione Generale della Commissione Europea), in uno studio qualitativo su diverse tecnologie di climatizzazione, mette in evidenza come la pompa di calore aerotermica a gas sia la tecnologia di minor impatto ambientale complessivo in termini di emissioni dannose per la salute umana (NOx, PMx e OGC).”. E questo anche rispetto a tecnologie tradizionali, come caldaie a condensazione, e tecnologie comunemente ritenute altamente performanti ed ecologiche, come  biomasse e pompe di calore elettriche.

K18 E’ LA TECNOLOGIA CON IL MIGLIOR RAPPORTO COSTO/BENEFICIO PER LA RIQUALIFICAZIONE DEGLI EDIFICI RESIDENZIALI ESISTENTI. E’ la soluzione tutto in uno per riscaldare casa: si installa semplicemente all’esterno, evita le complesse integrazioni necessarie per i sistemi ibridi (come il solare termico) e le complicate pratiche burocratiche e i gravosi lavori tipici dei sistemi geotermici. K18 è la soluzione pronta con prestazioni verificate grazie a una estesa campagna pre-lancio di testing sul mercato italiano.

K18 SEGNA UNA CONTROTENDENZA IN UN PERIODO DI CRISI DELLE IMPRESE: ECCO UNA BELLA STORIA DI INNOVAZIONE TUTTA ITALIANA. K18 è oggi pronta e viabile, qualificata, ad alto valore aggiunto e si basa su una tecnologia in pompa di calore studiata, sviluppata e prodotta interamente in Italia da Robur. Questa tecnologia è il frutto di un secolo di studi sui cicli frigoriferi ad assorbimento a cui hanno lavorato, tanto per intenderci, fisici come Albert Einstein e Leonard Szilárd. E’ una tecnologia in cui Robur ha fortemente creduto, investendo significativamente negli ultimi venticinque anni per svilupparla ulteriormente, salvandola dall’oblio e rendendola disponibile a tutti.

ROBUR PRESENTA IN ANTEPRIMA AL MERCATO MONDIALE L’INNOVAZIONE TECNOLOGICA DI K18 IN OCCASIONE DI MOSTRA CONVEGNO EXPOCOMFORT (Milano, 15-18 marzo 2016). Robur dedica alla stampa uno spazio di approfodimento per scoprire insieme una bella storia di eccellenza tutta italiana, che dimostra come le piccole aziende sono in grado di fare grandissime cose.

Per prenotare il proprio spazio di approfondimento e interviste individuali contattare l’ufficio stampa Robur: +39 035 888 293 lvavassori@robur.it

Link: www.robur.it