Home - Banca Popolare del Mediterraneo

Enrico Pisano nuovo direttore generale BPMed (dom, 10 nov 2019)
Enrico Pisano è il nuovo direttore generale della Banca Popolare del Mediterraneo. Manager di grande esperienza, Pisano inizia la carriera nel 1982 come direttore della Banca Commerciale Italiana presso la filiale di San Giuseppe Vesuviano (Napoli). Nel 1999, dopo 16 anni, si trasferisce a Frattamaggiore (Napoli) per ricoprire l’incarico di direttore del Centro Imprese del Banco di Napoli. Vi resta 8 anni. Nel 2007 viene chiamato dalla Banca Popolare di Sviluppo come responsabile Corporate e dopo 8 anni passa alla Banca Popolare Vesuviana prima come vice direttore generale e poi come direttore generale. Nel 2017 passa alla Banca Centro Lazio – Gruppo Cassa Centrale e anche qui inizia come vice d.g. per poi essere promosso a direttore generale. Ora una nuova sfida nella sua Napoli.
>> leggi di più

Alle piccole banche occorre coraggio (*) (Mon, 07 Oct 2019)
Quello di guardare solo in casa propria è un atteggiamento domestico diffuso, ma raggiunge il suo apice nel mezzogiorno della penisola. Studiosi di sociologia affermano che da queste parti si patisce ancora qualche nostalgico legaccio con il sistema imperialista, nell’accezione relativa a forme di governo con forte dominio e forte invadenza sulle scelte e sulle libertà del popolo. Eppure, “uno per tutti e tutti per uno”, resta un proverbio, uno slogan, un motto solo per provare ad ambire a risultati relativi a competizioni sportive o peggio per accendere dispute belliche. Ebbene, qui esiste una disputa economica di rilevanti proporzioni di cui la comunità finanziaria locale con ogni ragionevole dubbio, non ha avuto ancora piena contezza e consapevolezza. E’ storicamente innegabile che le banche locali svolgano un ruolo straordinario a favore della crescita dei territori di insediamento; le banche locali hanno fatto la fortuna di iniziative aziendali che altrove non avrebbero ottenuto neanche ascolto; hanno affiancato imprenditori durante le fasi di sviluppo o di ampliamento delle attività, hanno assistito il mondo delle PMI nella difficile fase che ha attraversato (e danneggiato) l’economia negli ultimi 10 anni. Queste banche continueranno ancora a fare tutto ciò; ma dovranno farlo in modo diverso. Il contesto socio-economico si evolve però alla stessa velocità dell’economia. E’ cambiato, sta cambiando, cambierà ancora. Il nostro territorio annovera una decina di banche di piccole o piccolissime dimensioni. Tranne rari casi, questi intermediari vivono una stagione, destinata a non chiudersi, che vede i costi di compliance, di struttura e di gestione degli NPL, rendere aridi i bilanci e realizzare rapporti cost/income, assolutamente poco performanti. Ne conseguono, medio tempore, ripercussioni sulla qualità, ma anche sulla professionalità, dei servizi finanziari forniti, senza tralasciare gli impatti sulle aspettative, spesso inevase dei tanti shareholders (come nel caso delle banche ad azionariato diffuso). Questi intermediari dovranno riflettere (e dovranno farlo nel breve periodo) sulla possibilità di realizzare sinergie che mettano a fattore comune le esperienze specialistiche maturate, ma siano soprattutto in grado di guardare più lontano, ipotizzando la creazione di una forma di collaborazione, magari di tipo federale, per realizzare le necessarie economie di scala da un lato e dall’altro, creare i presupposti per la realizzazione di un soggetto, quale risultante della sintesi delle varie realtà, in grado di poter competere con autentico diritto di cittadinanza, sugli scenari nazionali. Al di la di quello che desidera la BCE e gli stessi regulator nazionali, che hanno un focus orientato alla vigilanza per la tutela del mercato e quindi la prerogativa, condivisibile o meno, di realizzare attività di controllo su intermediari “aggregati”, le principali nozioni di Economia Aziendale, suggerirebbero l’avvio di percorsi di integrazione ordinata, a favore del raggiungimento ottimale delle efficienze e delle necessarie economie di mercato. Non è più immaginabile che il panorama locale rimanga quello attuale: frammentario, poco organico, asistematico, dispersivo per masse e competenze.    Entro l’anno, alla Facoltà di Economia della Federico II, organizzeremo un interessante convegno, accendendo i riflettori su questo particolare tema, per fare in modo che tutti possano “vedere” il domani che attende la comunità finanziaria della Regione e farsi trovare pronti per affrontare quel futuro che è già dietro l’angolo. (*) Dott. Gennaro Fusco Banca Popolare del Mediterraneo Founder
>> leggi di più

Accordo BPMed e Asfalia Broker (Sun, 23 Jun 2019)
La Banca Popolare del Mediterranea e Asfalia Prime Broker (broker assicurativo indipendente specializzato in soluzioni per clientela privata e corporate) hanno stretto un accordo per la distribuzione alla propria clientela di soluzioni assicurative ramo vita, danni e salute. "Le banche di prossimità con forti legami col territorio - ha dichiarato Gennaro Fusco Presidente C.E. di BPMed - devono poter stringere partnership con operatori specializzati in modo da offrire alla clientela tutta la gamamd ei servizi finanziari e assicurativi che il mercato è in gardo di offrire. L'accordo consente alla banca di competere con i principali player bancari senza aggravio di costi per la clientela e senza appesantimenti burocratici grazie all'innovativa soluzione tecnologica adottata".
>> leggi di più