Home - CBRE Srl

IL CENTRO COMMERCIALE EUROSIA DI PARMA GESTITO DA CBRE OTTIENE LA CERTIFICAZIONE BREEAM IN-USE (mer, 05 lug 2017)
cbre Il Centro Commerciale Eurosia, inaugurato nel 2011, ha una GLA di circa 16.550 mq e si trova nella zona sud est della città di Parma. Il progetto è stato realizzato da EUROSIA Srl con lo scopo di fornire un servizio ai cittadini della zona residenziale circostante, in forte espansione, mantenendo alta l’attenzione sulla tutela dell’ambiente e sul risparmio energetico, attraverso l’utilizzo di tecnologie e materiali all’avanguardia. L’offerta commerciale del Centro, oltre alla piastra alimentare ad insegna IPERCOOP, è rappresentata da più di 30 negozi fra i quali UNIEURO e CONBIPEL. Inoltre, con l’ultima acquisizione all’interno del Centro Commerciale della Farmacia Eurosia, anche la proposta dei servizi può definirsi ottimale. “Eurosia ha ottenuto questo importante riconoscimento grazie ai principi sui quali si è basato il progetto di realizzazione della struttura e alle best practice che hanno guidato il lavoro di gestione - dichiara Fabrizio Federici presidente del Consorzio Centro Commerciale Eurosia -. In particolare, con lo scopo di ridurre consumi e sprechi, sono stati implementati sistemi e servizi volti a tutelare la sostenibilità dell’immobile e a incentivare comportamenti etici e responsabili nei clienti e negli operatori.” Nel centro, infatti, è in funzione un impianto fotovoltaico da 50,4 KWp per la produzione di energia elettrica grazie al quale, in 5 anni, sono state abbattute le emissioni di Co2 di ben 154 Tonnellate. Eurosia, inoltre, dispone di pavimentazioni esterne con autobloccanti fotocatalitici per assorbire le polveri sottili e ridurre il livello di smog; di una vasca per il recupero dell’acqua piovana, utile per l’attività di irrigazione, e di un sistema di illuminazione dei piazzali con lampade ad alta prestazione. Infine, nel corso degli anni sono stati implementati servizi quali un sistema di raccolta differenziata, che permette ai tenant di gestire lo smaltimento dei rifiuti in modo agevole ed efficace e una pista ciclabile, che collega Eurosia direttamente al centro della città di Parma. Queste sono solo alcune delle opere effettuate nel corso della realizzazione della struttura commerciale che hanno reso Eurosia un centro sostenibile e attento al rispetto dell’ambiente.
>> leggi di più

CBRE ITALIA ADVISOR DI SAN SISTO S.r.L NELLA VENDITA DEL CENTRO COMMERCIALE “AREA12” DI TORINO (lun, 05 giu 2017)
meraville CBRE Italia – parte del Gruppo CBRE, leader mondiale nella consulenza immobiliare – ha assistito San Sisto S.r.L. - società proprietaria del Centro con Nordiconad, socio di maggioranza, e CMB ed Unieco quali altri soci –nella vendita della shopping gallery del Centro Commerciale “Area12” di Torino.Il Centro, ora di proprietà di Tikehau Capital, è stato ceduto per un valore pari a circa 65 milioni di Euro. La Nordiconad mantiene, invece, la proprietà dell’ipermercato e collaborerà con Tikehau Capital per il continuo sviluppo del Centro. Inaugurato nell’ottobre 2011, “Area12” sorge all’interno di un complesso architettonicamente integrato con lo Juventus Stadium – che presto cambierà denominazione in Allianz Stadium - e si sviluppa su una superficie di oltre 30.000 mq. Gestito da CBRE e con una media annuale di 4,5 milioni di visitatori, ospita una galleria commerciale con circa 60 negozi – tra i principali brand nazionali ed internazionali – oltre ad un ipermercato CONAD ed un’area ristorazione.
>> leggi di più

CBRE: IL FUTURO DELLE VENDITE TRA NEGOZIO FISICO ED E-COMMERCE (mar, 16 mag 2017)
meraville Presentato il report “The Store E-Volution” sui cambiamenti delle abitudini di acquisto in Italia. La ricerca dà voce ad alcuni retailer che raccontano come la sfida posta dalla tecnologia stia influenzando la loro strategia localizzativa. Che l'esperienza di acquisto avvenga online o in negozio, in Italia sono 3 i fattori principali che spingono i consumatori: qualità dei prodotti, velocità negli acquisti e contenimento dei costi. Il report “The Store E-Volution” di CBRE, ha l'obiettivo di comprendere le abitudini dei consumatori e il loro rapporto con gli spazi commerciali fisici e virtuali nello shopping di beni non food. Sebbene molto attivi sui social network - circa il 58% degli italiani attivi su internet - solo il 39% effettua acquisti online, una percentuale inferiore alla media europea del 65% (Fonte: Eurostat). Pesa il gap infrastrutturale del nostro Paese rispetto all’Europa nella digitalizzazione, che la pone al 25esimo posto nella graduatoria europea DESI (Digital Economy and Society Index). La tendenza, tuttavia è in miglioramento: l’Italia è stata inserita nel gruppo di nazioni che stanno recuperando velocemente. Nell’ultimo anno ha mostrato infatti rapidi progressi avvicinandosi alla media dell’UE. Dall’indagine condotta da CBRE, il 61% degli intervistati continua a preferire l’acquisto in negozio: poter toccare, provare e vedere il prodotto resta una priorità. Solo il 23% tende a preferire l’acquisto online e il 10% lo sceglie come unica modalità di acquisto. Tra i fattori a favore dell’e-commerce, la maggior economicità (60% degli intervistati), l’ampia offerta (53%), la facilità di comparare prezzi e prodotti (52%) e la possibilità di acquistare quando e dove si desidera (51%). Alla domanda su cosa dovrebbe offrire un retailer che ha sia il canale online che quello fisico, la maggior parte degli intervistati, rispettivamente il 51% e il 50%, ha risposto la possibilità di rendere la merce acquistata online in negozio in cambio di un rimborso o di una sostituzione. Ciò fa emergere quello che è il vero problema legato ad un maggiore sviluppo del canale online, e cioè il reso, che per il consumatore significa la sublimazione dell’ esperienza di acquisto online ma per il retailer significa costi maggiori e spesso margini in contrazione. Ecco perché la distribuzione logistica nel futuro sarà sempre più importante nelle strategie dei retailer. Alla domanda su quali siano i servizi più interessanti che i retailer potrebbero offrire nel futuro, il campione di intervistati ha risposto che il più importante è la consegna a casa delle merce nello stesso giorno dell’acquisto in negozio (42%) seguito da una maggiore integrazione dei servizi online e offline con la possibilità di consegnare il reso direttamente in negozio (36%) e solo per 19% degli intervistati la possibilità di provare nel futuro un prodotto o un servizio attraverso la realtà virtuale risulta interessante. Da quanto emerso dalle interviste, oggi i retailer stanno rispondendo ai nuovi bisogni dei consumatori integrando nel negozio fisico le caratteristiche del “negozio online”: più flessibilità nel layout e maggiore assortimento di merci che cambia più velocemente, possibilità di scegliere un prodotto in negozio e poi acquistarlo online (showrooming), possibilità di scegliere online e acquistare in negozio (webrooming), introdurre metodi di pagamento digitali, implementare il click and collect ed il click and reserve. La tecnologia è indicata da quasi tutti gli intervistati come uno strumento utile a favorire l’interazione tra consumatore e negozio; le innovazioni tecnologiche sono sempre più utilizzate per comprendere le abitudini di chi consuma nel negozio (big data) e analizzarle al meglio per favorire sia un maggiore coinvolgimento del consumatore, sia un maggiore volume di vendite. I cambiamenti in atto porranno nuove sfide ai player immobiliari nel futuro. Per scaricare il report clicca qui.
>> leggi di più

CBRE OTTIENE IL MANDATO PER LA GESTIONE DEL PARCO COMMERCIALE MERAVILLE DI BOLOGNA (lun, 27 mar 2017)
meraville CBRE, leader mondiale nella consulenza immobiliare, ha ottenuto il mandato di Property Management per il Parco Commerciale Meraville, acquisito da TH Real Estate per conto di “European Cities Fund”. Meraville è situato a pochi chilometri dal centro di Bologna ed è uno dei parchi più performanti d’Italia. Aperto nel 2003, ha una GLA di 46.000 mq comprendente 31 attività commerciali con brand di grande appeal per il bacino bolognese, tra cui l’ipermercato Coop, Decathlon, Leroy Merlin, Toys Center, OVS, Alcott e Prenatal.
>> leggi di più

RECORD DI VISITATORI ALL’ APERTURA DEL CENTRO COMMERCIALE LE COTONIERE DI SALERNO (mer, 21 dic 2016)
500_lecotoniere1 Apre a Salerno il nuovo centro commerciale Le Cotoniere, commercializzato e gestito da CBRE - leader al mondo nella consulenza immobiliare - ed è boom di visitatori: nella prima settimana hanno visitato il Centro circa 212 mila persone, con una media di oltre 30 mila persone al giorno. Le Cotoniere, che è stato inaugurato il giorno 6 Dicembre 2016 alla presenza di oltre 27.000 persone, occupa un’area di 102.750 mq coperti e 37.250 mq di aree verdi, parchi, piazze e residenze e uffici che creano, di fatto, un vero e proprio quartiere urbano all’interno della zona di Fratte, posta a nord della città di Salerno. La realizzazione del centro ha infatti previsto un piano di riqualificazione dell’intera area circostante, integrando il nuovo con le preesistenti architetture industriali, al fine di creare un’armonia territoriale con la natura per preservare la spontaneità del paesaggio. Il Centro Commerciale Le Cotoniere comprende anche un Superstore Conad e circa 100 unità commerciali, di cui 11 medio/grandi superfici di vendita e 10 dedicate alla ristorazione per un totale di oltre 27.700 mq di GLA.
>> leggi di più

CNCC AWARDS 2016: PREMIATO IL CENTRO COMMERCIALE I PETALI DI REGGIO EMILIA (lun, 19 dic 2016)
500_i-petali-reggio-emilia Il centro commerciale I Petali di Reggio Emilia gestito da CBRE - leader mondiale nella consulenza immobiliare - ha ottenuto il Certificate of Merit 2016 nella categoria Sales Promotion per il progetto Totopetali, nell’ambito dei CNCC RETAILER AWARDS 2016, l’evento che ha premiato le migliori case-history del retail nazionale e internazionale in Italia. Il riconoscimento è stato assegnato al progetto nella categoria Sales Promotion grazie ai buoni risultati ottenuti tramite l’iniziativa che ha creato una forte sinergia tra il Mapei Stadium e il Centro Commerciale I Petali. I Petali è il primo centro commerciale in Italia nato all’interno di uno stadio, il Mapei Stadium di Reggio Emilia - di proprietà della squadra di calcio del Sassuolo - che nel corso della stagione calcistica 2015/16 ha coinvolto i visitatori del centro con il progetto Totopetali. Dal 2 febbraio al 14 maggio, in corrispondenza delle nove partite giocate in casa dal Sassuolo nel girone di ritorno della Serie A, presentando prima del match un biglietto della partita (o una tessera gratuita dell’US Sassuolo), in abbinamento con lo scontrino di un acquisto effettuato nel Centro Commerciale, i visitatori hanno ricevuto una schedina per indicare il pronostico della partita del giorno, secondo la classica formula del Totocalcio: 1, X o 2. Ogni settimana, tra tutte le schedine col risultato esatto, ne sono state estratte 5 che hanno premiato i partecipanti con buoni-acquisto da spendere all’interno de I Petali. Tutti i giocatori hanno inoltre avuto la possibilità di partecipare all’estrazione del Superpremio finale: un anno di shopping al Centro Commerciale. Totopetali ha coinvolto 1.215 giocatori totali provenienti da 8 regioni italiane, che hanno compilato oltre 3.000 schedine. Durante l’intero periodo del concorso, I Petali ha totalizzato 144.872 visitatori (+7% incremento visitatori nel periodo dell’evento rispetto all’anno precedente con una media giornaliera di 16.097 persone, raggiungendo il record stagionale in CBRE Comunicato Stampa occasione dell’ultima giornata di campionato con 24.380 presenti e registrando un incremento del fatturato del 3% nel periodo dell’evento.
>> leggi di più

A CBRE LA GESTIONE DEL PRIMO PORTFOLIO PUBBLICO DI OLIMPIA INVESTMENT FUND (ven, 11 mar 2016)
cbre CBRE, leader mondiale nella consulenza immobiliare, ha ricevuto da Savills Investment Management SGR per conto di Olimpia Investment Fund il mandato per la gestione di un portafoglio composto da 9 asset provenienti dal Fondo Immobili Pubblici (FIP), interamente locati all’Agenzia del Demanio e assegnati ad uffici differenti delle Pubbliche Amministrazioni Tale incarico rappresenta un ulteriore ambito di specializzazione per il dipartimento Asset Services di CBRE che, forte dell’esperienza sviluppata nella gestione di immobili retail e non, avvia la divisione dedicata agli immobili aventi come conduttore la pubblica amministrazione. Gli immobili, per una superficie locabile totale di circa 100.000 mq, sono sede di importanti uffici della Pubblica Amministrazione, tra i quali Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Dogane, Agenzia del Territorio, Ministero dell’Economia e delle Finanze, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, INPS, e sono dislocati in tutto il territorio nazionale.
>> leggi di più

IL MERCATO CHIAMA, CBRE RISPONDE: CRESCE IL TEAM DEDICATO AL SETTORE HIGH STREET (lun, 29 feb 2016)
cbre CBRE, leader al mondo nella consulenza immobiliare, per rispondere al crescente interesse nel settore dell’high street in Italia, ha deciso di rafforzare il proprio dipartimento dedicato. Negli ultimi anni, infatti, questo settore ha attratto un numero crescente di investitori e nel 2015 il volume di investimenti ha di poco superato i 400 milioni di Euro, il 13% in più rispetto al 2014. Da quanto emerge dall’indagine che CBRE Italia ha condotto su un campione di investitori, anche nel 2016 il settore dovrebbe non perdere il suo appeal, con il 20% dei rispondenti che ha indicato l’high street come asset class preferita per quest’anno, superiore rispetto al 18% di uffici ed hotel e al 13% di centri commerciali. Dopo la nomina di Marcello Zanfi a responsabile per l’attività di High Street & Tenant Representation, CBRE si arricchisce quindi di un nuovo professionista, Roberto Ventre, che sarà Head of High Street Roma. Roberto, forte della sua esperienza di 14 anni nell’attività di consulenza immobiliare, ha consolidato un network che comprende i più importanti attori nel settore, operanti nelle principali città italiane. Affiancherà Marcello Zanfi nei servizi di consulenza e di agency ai proprietari di locali commerciali situati nei centri storici, oltre a ricercare location e fornire consulenza a primari retailers nazionali e internazionali con l’obiettivo di supportarli nell’espansione o nei processi di razionalizzazione del proprio network in Italia.
>> leggi di più

CBRE RAFFORZA IL TEAM RETAIL AGENCY E CREA LA “RETAIL ACADEMY” (mer, 24 feb 2016)
cbre CBRE, leader mondiale nella consulenza immobiliare, comunica che ha inserito nel proprio team di Retail Agency, dipartimento specializzato nella commercializzazione di spazi per le attività retail guidato da Gaetano Lamacchia, cinque nuove figure professionali: Matteo Cozzolino, Responsabile delle aperture di centri commerciali con oltre 18 anni di esperienza, proveniente da Coopsette; Valentina Melilla nel ruolo di senior leasor con oltre 20 anni di esperienza nel retail, proveniente da Center; Francesca Bonera, con 10 anni di esperienza nel settore outlet e proveniente da Fashion District, a cui si affiancano Teresa Iacomino e Marco Cuoghi. Inoltre, è stata avviata la “Retail Academy”, un progetto che consentirà a giovani neolaureati di essere coinvolti in un percorso formativo in ambito retail con una esperienza diretta in affiancamento ad un tutor presso le sedi di CBRE o direttamente in uno dei centri commerciali in gestione o commercializzazione. Sia il potenziamento del team che questa nuova iniziativa vanno sempre più nella direzione dell’integrazione delle attività di commercializzazione e gestione, con lo scopo di proporre ai clienti servizi in grado di coprire tutta la filiera retail.
>> leggi di più

CBRE PRESENTA PERSPECTIVE 2016 (gio, 11 feb 2016)
pirellitower-skyline Una rivista ed un evento annuale ideati per delineare le principali tendenze e prospettive del mercato immobiliare italiano.  Il 2015 è stato un anno positivo per il settore immobiliare Europeo, con un volume di investimenti che ha superato il livello record del 2007, con oltre 260 miliardi di Euro. Anche in Italia, con 8.1 miliardi Euro la crescita rispetto al 2014 è stata di oltre il 50%. Come sarà il 2016 per il mercato italiano? CBRE, leader mondiale nella consulenza immobiliare, ha provato a rispondere con una rivista “Perspective 2016” ed un evento, con l’obiettivo di delineare le tendenze del mercato italiano, alla luce dei più ampi scenari globali. A parlarne, i principali esponenti della Società in Italia e nella regione EMEA dei dipartimenti di Capital Markets, Capital Advisor e Global Workplace Solution, che hanno portato la loro visione internazionale dei mercati. Per l’Italia, CBRE ha anticipato i risultati di un’indagine condotta a dicembre 2015 rivolta ad investitori ed utilizzatori. Ciò che emerge è il ritorno di fiducia nella ripresa economica del paese. Infatti il 75% degli investitori ed il 70% degli utilizzatori ritiene che la ripresa c’è ed è destinata a rafforzarsi nel corso del 2016 e il miglioramento dei fondamentali dell’economia è una condizione necessaria a far tenere vivo il settore immobiliare e stimolarne gli investimenti. Infatti, il 62% degli investitori interpellati ritiene che la propria attività d’investimento nell’immobiliare italiano sarà maggiore nel 2016 rispetto al 2015. La città più “attraente”, in termini di investimenti, si conferma Milano anche nel 2016, seguita da Roma. Il ruolo dei mercati secondari è ancora contenuto, anche se inizia ad intravedersi un timido interesse nei confronti di alcune città minori come Firenze o Venezia, in particolare per asset class non direzionali, quali hotel e high street.
>> leggi di più